La “Scuola Senza Zaino” ha conquistato il cuore di bambini, genitori e docenti dell’Istituto Comprensivo “Pascoli” di Silvi. Una metodologia ormai diffusa in moltissimi istituti italiani, applicata anche nel nostro Istituto presso la Scuola dell'Infanzia di Belfiore, la primaria di Pianacce e di Silvi Alta (dalla classe prima alla quarta) e presso la scuola secondaria di primo grado "G. Bindi" in due sezioni. Nella “Scuola Senza Zaino”La conquista più grande, rispetto alla scuola tradizionale, è il non avere libri e quaderni da trascinare sulle spalle da casa a scuola, ogni cosa resta in classe. Si rafforza il ruolo del gruppo classe: non ci sono banchi singoli, non ci si può allontanare dal compagno per non copiare durante la verifica, ma tavoli comuni in cui si condivide il materiale e il piacere di svolgere una particolare attività. Ogni aula possiede l’agorà, un ambiente carico di significato, che si rifà al modello greco di luogo centrale della città in cui si discute e si risolvono problemi. La scuola Senza Zaino pone al centro l’alunno-persona che impiega tutte le energie durante i momenti trascorsi insieme per apprendere e crescere; un bambino che non ha bisogno di tornare a casa per passare ore ed ore a ripetere algoritmi. Prende vita una nuova idea di classe, che pullula di idee e attività coinvolgenti. I bambini diventano autonomi, possono scegliere da soli le attività da fare durante l’ attesa. Anche i colori delle pareti, l’arredo e gli strumenti costruiti, hanno una finzione attrattiva, ma soprattutto, coinvolgente per gli allievi, che pare entrino in un mondo fantastico!
Abbiamo creduto in una scuola che fa le regole insieme agli alunni, che diventano custodi del proprio ambiente. Questo è l’obiettivo che abbiamo scelto di sposare: formare in maniera innovativa con un richiamo alle “buone pratiche” fatte di manualità e sperimentazione. Una scuola di responsabilità, comunità e ospitalità.